Anna Grilli

Cosa rappresenta per me l’arte?… per rispondere a questa domanda devo tornare indietro nel tempo, ricercare ricordi di sensazioni di bambina, perdermi nella memoria di immagini lontane ma sempre scolpite negli attimi presenti.

Mi appare una bambina curiosa che apre una scatola di colori il giorno di Natale… la gioia di creare e dare voce a ciò che le parole non possono tradurre… un desiderio compreso e ascoltato.

Se penso all’arte ora, con gli occhi di quella bambina cresciuta, immagino un linguaggio da scoprire… la possibilità di ascoltare in silenzio l’immagine dei propri sensi e dare vita ad una nuova forma di pensieri… creare da uno stato mentale libero che aspetta di essere trovato.

Gli attimi dedicati a tutto questo sono un dono ricercato in mezzo ad un tempo frenetico che non permette di fermarsi ad assaporare la lentezza… è scoprire nuovi punti di riferimento grazie ad un errore e avvicinarsi a nuove possibilità di Sé.

E’ evocare l’essenza delle cose e sentirne il sapore insieme alla forza della loro vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *